Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi

Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi
0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View CartCheck Out

Una biblioteca veramente spaziale.

Se passate da Tianjin, non potete assolutamente perdervi quella che secondo noi è la biblioteca più futuristica del mondo, e anche una delle più belle. È stata progettata dallo studio olandese MVRDV. Completata da poco – ci sono voluti solo 3 anni – anche con la collaborazione del Tianjin Urban Planning and Design Institute (TUPDI), ha al centro un auditorium sferico che sembra una pupilla.

In effetti la struttura, vista da fuori, sembra un enorme occhio, e non a caso è stata soprannominata “L’occhio di Binhai”, che è poi il nome del quartiere culturale della città di Tianjin, quarta per popolazione in Cina e non lontanissima da Pechino.

L’area di lettura è al piano terra, le sale relax ai piani medi, mentre gli uffici e le aree di ritrovo, le sale computer e audio a quelli superiori. La biblioteca ospita ben 1,2 milioni di libri su una superficie di circa 34’000 metri quadri.

L’idea dello sguardo aperto a 360 gradi sul mondo interiore ed esteriore sembrerebbe ripetersi a diversi livelli in questa struttura. C’è solo da sperare che lo sguardo si posi veramente su tutto e sia veramente aperto sul mondo a 360 gradi. Speriamo non diventi un simbolo Orwelliano, in un paese dove esistono parole tabù, dove certi argomenti non vengono nemmeno sussurrati nelle università e dove i dissidenti subiscono quotidianamente prevaricazioni e ingiustizie.


Scrivi un commento