Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi

Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi
0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View CartCheck Out

Il campo di calcetto più remoto al mondo

Forse è vero quanto sostengono i curatori della pagina Facebook della nazionale malesiana di calcio. Di certo, la foto che hanno postato sembra dargli ragione. Dicono che il campo di futsal, il calcio a cinque o calcetto per intenderci, più remoto al mondo si trovi nel loro paese. Per essere precisi, si tratterebbe del campo della scuola SK Logongon, nella  regione di Nabawan, in Malesia.

La scuola dista ben 80 chilometri dalla città più vicina, e la strada non asfaltata per raggiungerla non è percorribile in automobile quando piove, quindi spesso durante la stagione delle piogge tipica di queste terre prossime all’equatore.

Proprio per le caratteristiche climatiche della zona si è scelto di lasciar crescere la vegetazione lungo il perimetro del campo, di modo da abbassare le temperature che possono essere anche molto elevate da queste parti. Come se non bastasse, per raggiungere il campetto, occorre camminare per circa 15 minuti lungo un sentiero che inizia a scuola e si sviluppa tra salite e discese in piena natura, per arrivare a quello che sembra il campetto di un “mondo di fantasia”, come recita il post della nazionale di calcio malesiana che ha condiviso lo scatto. A scattare la foto è stato un professore dell’istituto, con l’aiuto di un drone per poter immortalare il campo dall’alto. Noi dell’Emporio de’ Viaggiatori pensiamo di andarci quanto prima, e condivideremo le nostre foto… In caso lo facciate prima voi, fatecelo sapere!

1 Response

Scrivi un commento

it_IT