Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi

Accedi

Registrati

Dopo aver creato un account, sarete in grado di monitorare lo stato del pagamento, la conferma di pista e si può anche votare il tour dopo finito il tour.
Nome utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Paese*
Creazione di un account significa che stai bene con i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla Privacy.

Sei già iscritto

Accedi
0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View CartCheck Out

Un viaggio in auto lungo 26 anni e 900’000 km

Il 28 maggio noi saremo all’incontro con Gunther Holtorf, a Torino al Museo Nazionale dell’Auto. Un grande viaggiatore, da alcuni definito “il più grande viaggiatore dei nostri tempi”, una definizione che per noi, che pur lo ammiriamo, pone l’accento sull’aspetto sbagliato di questo grand’uomo.

Noi preferiamo chiamarlo coraggioso, audace, libero e fonte d’ispirazione. Gunther, nato nel 1937 a Göttingen, nel dicembre del 1988 ha mollato una bella carriera da manager alla Lufthansa ed è partito con sua moglie per un viaggio durato 26 anni e finito nel 2014, durante il quale ha attraversato con la sua Mercedes Benz G Class 300GD ben 215 paesi percorrendo poco meno di 900 mila chilometri. Un’impresa che lo ha portato nel Guinness dei primati. Intorno ai 100’000 chilometri di viaggio si separò dalla terza moglie Beate e continuò il viaggio con una nuova compagna, Christine, conosciuta grazie a un annuncio su “Die Zeit” dove si cercava una donna sportiva, coraggiosa, flessibile e pronta a partire per l’Africa.

Dalla sua “Otto”, la Mercedes con la quale partì nel 1988, non si è mai separato durante più di un quarto di secolo di viaggio, se non per periodi (lunghi anche due o tre mesi) di sosta in paesi come l’Indonesia o il Sud Africa. Ora Gunther, ben presto ottantenne, fa una vita un po’ più sedentaria ma continua a viaggiare per raccontare le sue avventure.

Non vediamo l’ora di incontrarlo!

Scrivi un commento